Daddo finisher all'Indian Ocean Triathlon 2012

Daddo finisher all'Indian Ocean Triathlon 2012

15 novembre 2012
Commenti

Merveilleux Indian Ocean Triathlon!

Ile de Maurice, Mauritius, Isola di Maurizio... Mio fratello si chiama Maurizio e da piccoli ci dicevamo che prima o poi saremmo andati sulla "sua isola".

Io ho avuto la fortuna di realizzare questo mio sogno di bambino, da solo, mio fratello e’ rimasto a casa. Un altro sogno realizzato grazie al mio triathlon!

Si perché il 13 novembre si è svolta la quarta edizione dell’Indian Ocean Triathlon, organizzato, in maniera splendida peraltro, da VO2 Max Voyages e Lux Sports.

E io ho partecipato e terminato la gara!

Anche se la determinazione per tagliare il traguardo non mi è mai mancata, anche se sarei andato avanti anche a quattro zampe e anche se era “solo” un olimpicone (1.8K di nuoto, 55K di bici, 12K di corsa), gli ultimi mesi vissuti si e no da trifitner e i percorsi duretti e caldini, non hanno reso l’impresa proprio semplice e scontata…

Premessa, tutto il viaggio e’ stato, manco a dirlo, “merveilleux”.

Ile de Maurice, la scoperta dei suoi colori e dei suoi sapori; i suoi silenzi e il cielo stellato; la sua pioggia che sembra vaporizzata, un dolce massaggio; i sorrisi e l’ospitalita’ dei mauriziani; la salita al 16% di Chamarel; il vento e il caldo; spiaggie bianchissime, l’oceano sconfinato e azzurrissimo, le palme altissime.

Cosa manca? La cosa piu’ importante! Poter nuotare, pedalare e correre…

E’ inevitabile, noi triatleti non siamo fatti per fare le lucertole al sole, relax tra piscina, spiaggia, aperitivo e convivialita’.

Se fosse mancato il sudore, la fatica, l’emozione pre gara; il ritiro dei pettorali e il confronto con gli altri partecipanti provenienti da 20 paesi diversi; la ricognizione dei percorsi e le mille congetture su quello che sarebbe avvenuto il giorno della gara; il pasta party e le premiazioni…

Ma soprattutto, se fosse mancato il lungo viaggio che ci ha portato, in 180, a immergerci nel cristallino oceano, a pedalare su e giu’ immersi nel verde, nel bianco e nell’azzurro, e infine a correre fino a quel traguardo esotico con un sorriso enorme sul viso…

Ebbene, se fosse mancato tutto questo non credo che avrei sentito il bisogno di scrivere di questo viaggio all’Ile de Maurice.

C’erano tanti campioni, perlopiu’ francesi, di cui ho scritto pagine e pagine e che avevo conosciuto di sfuggita in questi miei primi 16 anni di triathlon… Con loro e con tanti altri atleti age group come il sottoscritto ho potuto condividere delle giornate molto piacevoli (ho battuto Fred Belaubre a beach volley! :D), ho stretto amicizie con persone provenienti da ogni parte del mondo e negli occhi e nel sorriso di tutti ho visto trasparire la grande passione per il nostro amatissimo triathlon.

Siamo triatleti e sappiamo goderci in maniera speciale, davvero unica direi, anche l’Ile de Maurice!

Maurizio, fratellone, se vuoi venire l’anno prossimo… Fosse la volta buona che butti giu’ anche un po’ di panzetta 😉

Per chi volesse leggere la cronaca della gara… qui c’e’ tutto!

Au revoir Ile de Maurice, à l’année prochaine!

Indian Ocean Triathlon… c’est genial!

FOTOGALLERY INDIAN OCEAN TRIATHLON


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: